Cagliari-Sampdoria: i precedenti

0
382

Trasferta ostica quella della Samp lunedì sera a casa del lanciato Cagliari di Maran su un terreno dove la tradizione non è propriamente favorevole ai liguri, sconfitti 17 volte in 33 precedenti, con 12 pareggi e sole 4 vittorie.

Il primo confronto tra le due squadre il 27/9/1964 , si giocava nel vecchio “Amsicora” e segnarono Gigi Riva e Paolo Barison, con Arturo Silvestri ed Ernst Ocwirk sulle panchine delle due squadre.

Nella stagione 1967-68 terminò con un pirotecnico 3-3, a segno Cristin, Vieri e “Corvo” Francesconi per i doriani, il 11/1/1970 i sardi che a fine stagione vinsero lo scudetto “asfaltarono” la Samp per 4-0, con doppietta di Domenghini, Riva e Gori, la stagione successiva il successo dei neo campioni fu più sofferto, alla prima giornata segnò subito Giancarlo Salvi prima della rimonta firmata nella ripresa dal rigore del solito Riva e da Brugnera.

A metà degli anni settanta un’altra sconfitta pesante, finì 5-3 con una tripletta di Piras e doppietta di Magistrelli e rete di Saltutti, anche la Samp scudettata venne sconfitta per 3-2 (gol di Silas e Mancini), per la prima vittoria nell’isola si dovette attendere il 14/3/1993 , Roberto Mancini decise il match con una doppietta e si ripeté nel 2-0 del 14 Maggio di due anni dopo. Il 25/5/1997 la vittoria dell’undici di Eriksson per 4-3 condanno’ di fatto i rossoblù di Mazzone all’imminente retrocessione, reti di Mancini, Montella, autogol di Minotti e sigillo finale di Iacopino, due anni dopo i padroni di casa si presero la rivincita infliggendo un pokerissimo al gruppo di Spalletti, reti di Muzzi, Vasari, Berretta e doppietta dell’ex genoano Kallon.

Nell’ultimo confronto il rigore parato da Cragno al nuovo entrato Kownacki e le traverse colte da Defrel e Linetty impedirono alla squadra di Giampaolo di ottenere un meritato successo e finì senza reti, terminò in parità anche il 9/12/2017, la doppietta di Quagliarella nella prima frazione sembrava aver incanalato la partita ma nella ripresa un clamoroso errore di Viviano, che colpì con un errato rinvio Farias, rimise i padroni di casa in partita, con pareggio di Pavoletti.

Il portiere fu eroe in negativo anche il 26/9/2016, la rete di Fernandes a tre minuti dalla fine aveva regalato il pari dopo il sigillo di Joao Pedro ma una papera del portiere fiorentino spianò la strada a Marchionni per il definitivo 2-1.

Nell’ottobre di due anni prima ancora doppio vantaggio ospite grazie a Gabbiadini ed Obiang e rimonta firmata da Avelar, su rigore e Sau, l’anno precedente si giocò a Trieste per l’indisponibilità dell’impianto di casa, la rete di Ekdal, allora in maglia sarda, tenne in vantaggio i suoi prima di un incredibile finale, con pari di Gabbiadini che sfruttò una topica di Agazzi, nel recupero la rete di Conti sembrava decisiva ma sul filo di lana pareggiò De Silvestri.

La stagione prima salì sugli scudi Ibarbo con una tripletta (di Maxi Lopez il gol doriano), per trovare l’ultimo successo bisogna riannodare il nastro alla stagione 2007-2008, giorno del debutto in serie A di Andrea Poli, tecnico dei sardi era Marco Giampaolo e nel primo tempo Volpi, Caracciolo e Maggio fissarono il largo successo dei ragazzi in blucerchiato.

Un’ultima curiosità: il 13/12/2002, campionato di serie B, l’incontro venne disputato a Tempio Pausania e la formazione di Novellino, promossa a fine stagione, venne sconfitta da una rete di Capone al 96’, facendo gioire Giampiero Ventura, da poco sedutosi sulla panchina rossoblù dopo la non felice esperienza proprio alla Samp.

Marco Ferrera