Juventus-Genoa: i precedenti

0
151

Il Genoa è atteso dai campioni d’Italia nel turno infrasettimanale, in una trasferta in cui ha ottenuto solo due vittorie e dieci pareggi nei cinquantadue precedenti. 

Una delle dieci divisioni della posta è dello scorso 20 Ottobre, era la prima uscita del Genoa targato Juric-bis e dopo la rete nel primo tempo di Ronaldo che pareva aver messo la partita in discesa per i bianconeri arrivò nella ripresa il pari di Bessa.

In precedenza arrivarono cinque vittorie dei padroni di casa, l’ultima il 22/1/2018 quando fu sufficiente la rete di Douglas Costa, la penultima partita utile per il Grifone è quella del 26/1/2013 con Borriello che pareggiò il vantaggio torinese di Quagliarella. Anche il 22/10/2011 terminò in parità, stavolta sul 2-2, con doppietta di Matri e gol genoani di Marco Rossi e Caracciolo con il capitano ancora grande protagonista il 14 Febbraio dell’anno precedente, Rossi segno’ addirittura una doppietta ma il 3-2 finale fi determinato da una clamoroso svista dell’arbitro Mazzoleni, che concesse un rigore inesistente ai padroni di casa per un contatto avvenuto abbondantemente fuori area tra Papastathopulos e Del Piero, con il susseguente tiro dagli undici metri trasformato da “Pinturicchio”.

Dicevamo delle sole due vittorie: il 22/11/1937 il 2-1 porta le firme di Figliola e Pietro Arcari III per la squadra di Garbutt, da raccontare la storia di Emanuel Fillola, uruguaiano di Montevideo poi naturalizzato italiano, ancora in vita all’età di 105 anni ed unico superstite della Coppa Italia vinta dal Genoa nel 1937, ultima vittoria della squadra rossoblù;  il 20/1/1991 Skuhravy sfruttò un’indecisione della linea difensiva bianconera per infilare Tacconi, con il portiere genoano Simone Braglia che sigillò la preziosa vittoria con alcuni interventi decisivi.

Ricordiamo negli anni novanta altri due pareggi, entrambi per 1-1: il 25/2/1990 reti di Galia e di Aleinikov nella sua porta, il 18/12/1994 una rete fantasma di Galante, con la palla che probabilmente non varcò la linea della porta difesa da Peruzzi, pareggiò il gol di “Penna bianca” Ravanelli.

Tra i precedenti c’è anche un corposo 7-0 per la “Vecchia Signora” che il 7/3/1965 andò ripetutamente a segno con doppietta di Stacchini e singole di Dell’Omodarme, Menichelli, Del Sol, Leoncini e Da Costa.

Marco Ferrera