Verona-Sampdoria: i precedenti

0
183

Trasferta importantissima per la Samp in casa del Verona, campo dove i blucerchiati hanno vinto solo tre volte nei 23 precedenti, con due successi piuttosto recenti.

L’ultimo incrocio è datato 20/9/2017, terminò sul nulla di fatto una partita in cui nella ripresa i blucerchiati si divorarono parecchie palle gol, con un palo clamoroso di Zapata a negare il successo alla truppa di Giampaolo; il 5/3/2016 i gol di Soriano, Cassano e Lazaros resero rotondo il punteggio, finì 3-1 per la Samp anche l’anno prima, con gol su rigore di Eder, pareggio temporaneo di Luca Toni e sigilli nella ripresa di Okaka e Gabbiadini.

L’altra vittoria doriana è vecchia di oltre 50 anni, era il 13 aprile 1969 quando la Samp guidata da Bernardini vinse largamente in Veneto grazie alla doppietta di Bob Vieri, padre del futuro attaccante della nazionale ed alla singola di “Corvo” Francesconi e quel giorno davanti a Battara giocarono Delfino, Colletta, Sabatini, Garbarini, Sabadini, Novelli, Salvi, Francesconi, Vieri e Morelli.

Anche negli anni ottanta quando Verona e Samp erano protagoniste in serie A , i liguri non vinsero mai al Bentegodi, ricordiamo due pareggi per 1-1, il 9/1/83 con Nico Penzo subito in gol e pareggio di Renica nella  ripresa, il 5/10/86, stessa data del match di sabato, segnò Vialli su rigore e nella ripresa pareggiò l’ex Roberto Galia.

La prima partita tra le due squadre è del 9/2/1958, finì con un pirotecnico 5-3 per i gialloblù , con un pokerissimo di Del Vecchio e doppietta di Firmani e Tortul a segno per gli ospiti, in quel Verona giocava all’ala destra Osvaldo Bagnoli.

L’ultima vittoria del Verona è del 30/10/2013, un 2-0 firmato Toni e Gomez, negli anni settanta nel novembre 1975 ci fu la sonora sconfitta per 4-1, con Magistrelli che aveva illuso i tifosi arrivati dalla Liguria prima della quaterna firmata due volte da Luppi, Macchi e Busatta, il 3/4/1977 finì invece con un bel pareggio per 2-2, Luppi e Fiaschi a segno per i padroni di casa e “Marziano” Chiorri e Tuttino per il Doria.

Marco Ferrera