Samp-Juve 2-0, l’analisi: ovazione per Quagliarella, contestazione per Ferrero

0
448

La fotografia finale è quella del presidente Ferrero che attraversa il terreno di gioco tra i fischi e le contestazioni della Sud e dell’intero stadio: un epilogo stonato di una stagione comunque positiva, sporcata nelle ultime partite da prestazioni non del tutto all’altezza di una squadra che per quattro quinti di stagione ha accarezzato il sogno europeo. Una larga fetta di tifoseria non sopporta più il presidente, che in settimana è ritornato dal viaggio negli Stati Uniti senza trovare il minimo accordo con la cordata guidata da Vialli e che nel momento in cui vi scriviamo ha appena incontrato Giampaolo, rimandando alla prossima settimana l’eventuale riconferma del tecnico di Giulianova. Il rinvio potrebbe essere collegato anche al cambio societario, visto che il tecnico ha posto come condizione per rimanere quella di alzare l’asticella, cosa che l’attuale proprietà non può garantirgli.

Il pre-partita è un omaggio della Sud ad Enzino, un super tifoso scomparso in settimana e che la gradinata ricorda con un enorme striscione ed un applauso unico  dell’intero stadio per Fabio Quagliarella, splendido capitano e capocannoniere con ventisei reti nella stagione di Ronaldo in Italia, ventotto anni dopo Gianluca Vialli, re dei bomber nell’anno dello scudetto; il napoletano viene premiato prima del match con il trofeo riservato al miglior attaccante del campionato italiano, un riconoscimento meritatissimo per un atleta di grande serietà e per un grande uomo, entrato nella “hall of fame” dei più grandi di sempre in maglia blucerchiata.

Non c’è la sfida a distanza con Ronaldo, che Allegri non convoca e che quindi non ammiriamo a Marassi, visto che aveva saltato anche la sfida contro il Genoa, il tecnico livornese schiera parecchie seconde linee, Giampaolo rinuncia ad Andersen ed Ekdal e non dispone di Murru, impiegando Sala e non Tavares a sinistra, con Praet fulcro centrale affiancato da Barreto e Linetty.

Il ritmo è quello di un’amichevole di inizio stagione, il primo acuto di Dybala, che arretra spesso sulla trequarti a farsi dare palla, viene murato in corner da Ferrari, non succede più nulla fino alla mezz’ora, quando la conclusione di Betancur dal limite termina alta sulla traversa della porta di Rafael, sostituto di Audero.

Il primo squillo doriano è al 34’, Ramirez fino a quel momento impreciso e mai incisivo, pesca con un lungo traversone Quagliarella che defilato a sinistra in area si libera della blanda marcatura avversaria e cerca l’eurogol, con una mezza rovesciata che sfila a lato del palo destro di Pinsoglio. Cresce la squadra doriana nel finale di tempo, grazie anche alla buona spinta a sinistra di un propositivo Sala, che al 38’ è bravo in fase difensiva a chiudere la diagonale e a contrastare efficacemente sottomisura Dybala servito da Kean. Ed il tempo si chiude con il tocco di Defrel che libera al tiro dal limite Ramirez, che cerca di piazzare con il destro di giustezza ma sbaglia mira, cestinando alla sinistra del palo di Pinsoglio.

L’avvio di ripresa propone per alcuni minuti una formazione bianconera, con la nuova improponibile maglia, maggiormente propositiva, la Samp arretra il baricentro e nel giro di pochi minuti Kean, Pereira e Dybala mettono i brividi  a Rafael, con Ramirez che al 12’ calcia a lato dal limite, prima di venire sostituito da Caprari mentre il giovane Portanova, figlio d’arte, prende il posto dell’infortunato Can. L’ingresso dell’ex pescarese che si posiziona alle spalle delle punte vivacizza la manovra dei padroni di casa, con la conclusione di Barreto deviata in corner un attimo prima che la partita del paraguaiano termini, rilevato da Vieira, mentre nella Juve Bonucci avvicenda un applaudito Chiellini. Scoccata da poco la mezz’ora la girata di Quagliarella viene bloccata dal portiere bianconero, Giampaolo concede la standing ovation al capitano che fa venire giù lo stadio dagli applausi ed entra Gabbiadini, con un altro giovane, Nicolussi, che rileva Pereira tra gli ospiti.

Lanciato in velocità Kean brucia tutti al 35’, s’infila tra Colley e Ferrari e davanti a Rafael in disperata uscita infila per il vantaggio bianconero ma la sua gioia viene strozzata dal guardialinee che rileva il millimetrico fuorigioco, poi confermato dal silent check di Nasca, si entra negli ultimi dieci minuti e la Samp prova a vincere, Praet , migliore in campo ed autore di alcune giocate sopraffine e Bereszynski, sfondano spesso a destra, Vieira è entrato con grande personalità e la sua rovesciata, gesto tecnico degno di un Ronaldo più famoso, termina di poco a lato sulla destra. E’ l’avvisaglia della rete che arriva a sei minuti dal termine, dopo un destro a lato di Linetty la sponda di Gabbiadini per Defrel mette il francese nella condizione ideale per concludere da posizione favorevole, il tiro dell’attaccante è sporco e subisce una deviazione che inganna sul primo palo Pinsoglio. E nel recupero uno scatenato Caprari conquista e trasforma con una perfetta parabola la punizione dal limite, infilando la sfera nel sette della porta bianconera.

E la Sud fa festa, applaudendo Giampaolo che fa una rapida ma sentita passerella sotto la gradinata ed i giocatori che hanno ottenuto il nono posto finale , riservando i fischi, come detto in apertura, solo per Ferrero.

MARCO FERRERA

SAMPDORIA-JUVENTUS 2-0

Marcatori. S.t. 39’ Defrel 46’ Caprari

SAMPDORIA (4-3-1-2): Rafael 6 – Bereszynski 6,5 Ferrari 6 Colley 6,5 Sala 6,5 – Barreto 6 (24’ s.t. Vieira 7) Praet 7 Linetty 6,5 – Ramirez 5,5 (13’ s.t. Caprari 7)-

Defrel 6,5 Quagliarella 6 (33’s.t. Gabbiadini n.c.) All: Giampaolo

JUVENTUS (4-4-2): Pinsoglio  6- Caceres 5,5  Rugani 5,5 Chiellini 6,5 (20’ s.t.Bonucci 5,5) De Sciglio 5,5- Cuadrado 5,5 Can 5,5 (13’ s.t. Portanova 6) Betancur 6 Pereira 6 (30’ s.t. Nicolussi n.c.) – Dybala 6 Kean 6 All: Allegri

Arbitro: Nasca di Bari 6,5

Note: giornata nuvolosa e fresca, terreno in buone condizioni. Calci d’angolo 7-6 per la Sampdoria. Ammoniti Rugani e Portanova (J) – Spettatori paganti 22856 di cui 17057 abbonati per un incasso di Euro 385.536.