Sampdoria, la sconfitta con l’Empoli alimenta polemiche e illazioni

0
362

Vince l’ Empoli, perde la Sampdoria e alimenta illazioni e polemiche il comportamento di una larga fetta di tifoseria presente allo stadio, che al gol di Farias, certificato dopo il “silent check”, ha esultato come se a segnare fosse stato Quagliarella. E’triste vedere chi, con una sciarpa blucerchiata al collo, esulta ad una rete avversaria: sia chiaro, la stessa cosa avverrebbe anche a parti invertite ma riteniamo che, al di là degli “sfotto” e dei menaggi, pane quotidiano nelle città con due squadre calcistiche, chi va allo stadio non dovrebbe mai tifare contro la propria squadra e sperare in una sua sconfitta, che in questo caso riapre la corsa salvezza a due partite dalla fine, con il Genoa che ha comunque ancora in mano il proprio destino, con un punto di margine (di fatto due) sui toscani.

E’ una Sampdoria alla frutta, che nelle ultime sette partite ha vinto solo il derby, che nel girone di ritorno ha perso dieci partite su diciassette , con cinque sconfitte casalinghe e che, dopo un primo tempo accettabile, si è consegnata ai più motivati avversari dopo aver subito la rete in avvio di ripresa.
Nel riscaldamento dà forfait Defrel e gioca Gabbiadini dal primo minuto, con Caprari dietro le punte e Tonelli e Ferrari coppia centrale stante la squalifica di Colley e l’indisponibilità di Andersen; l’Empoli , che scende in campo conoscendo il risultato del Genoa, sconfitto sabato dall’Atalanta, ha un solo risultato a disposizione per alimentare le sue flebili speranze di salvezza, considerati anche gli ultimi impegni contro Torino ed Inter. Andreazzoli conferma la formazione che sette giorni prima ha sconfitto la Fiorentina, con il solo Dell’Orco a rilevare Nikolau e recupera il bomber Caputo, in dubbio per tutta la settimana.
Proprio l’ex attaccante dell’Entella dopo otto minuti potrebbe subito portare avanti i suoi, scatta sull’imbucata del giovane ed interessantissimo classe 2000 Traoré, si presenta davanti ad Audero ed il suo destro coglie il montante destro di Audero. E’ di fatto l’unico vero lampo degli ospiti in una prima frazione in cui la Samp prende possesso del gioco. Pur senza entusiasmare e a ritmi piuttosto blandi la squadra di Giampaolo riesce comunque a rendersi pericolosa, al 9’ con Quagliarella, che conclude di poco alto al volo, al 18’ con Jankto, il cui sinistro esalta i riflessi di Dragowski, che alza in corner, al 28’ con lo stesso ceco che mette a lato dopo scambio Murru-Caprari, al 31’ ancora con Quagliarella, che su imbeccata di Gabbiadini si lancia di testa in tuffo ed impegna l’estremo ospite in tuffo sulla sua destra.
Ripetiamo, una Samp non trascendentale, Caprari e soprattutto Gabbadini sembrano capitati in campo per caso, Ekdal sbaglia più del solito, Sala e Murru spingono poco ed i soli Quagliarella e Jankto, per motivi diversi, si mettono in luce; l’Empoli ritorna negli spogliatoi avendo speso poco in una prima frazione in cui si mettono in luce per dinamismo e geometrie Traoré e Bennacer.

Nella ripresa, dopo una conclusione alta di Farias che non sfrutta il lungo cross di Pajac, al 12’ arriva la rete che di fatto chiude la partita: Traoré sfrutta l’uno-due con Farias, approfitta della scivolata di Murru, entra in area da destra e traversa al centro per il libero brasiliano che aveva seguito l’azione ed infila a porta vuota: esplode la gioia di Caputo e compagni e dei tifosi al seguito sugli spalti, il signor Doveri aspetta l’esito del “silent check” per certificare la rete che, una volta assegnata, porta all’esultanza anche di parte della tifoseria blucerchiata.

La reazione della Samp è impalpabile e non produce nemmeno un tiro a rete, al quarto d’ora è alta la conclusione di Caprari servito da Quagliarella, gli ospiti moltiplicano le loro forze perché capiscono l’importanza del momento nell’economia della loro stagione, Vieira e Sau rimpiazzano Ekdal e Caprari, Gabbiadini continua più degli altri ad essere spettatore non pagante ed alla mezz’ora la frittata la confeziona Tonelli, che cerca di contrastare lo scatenato Farias che lo salta secco a pochi metri da Audero e viene affossato platealmente dal centrale difensivo blucerchiato: rigore solare che Caputo si fa parare dal portiere ma sulla ribattuta l’unico a crederci è Di Lorenzo, che scaraventa in rete per il raddoppio.
Nel finale entra anche Ramirez per il fantasma di Gabbiadini ed un colpo di testa dell’uruguaiano viene respinto sottomisura da un difensore, con Dragowski fuori causa, Acquah, Capezzi e Brighi rinforzano nel finale il centrocampo ospite e la rete della bandiera arriva solo al primo dei sei minuti di recupero, quando Veseli atterra Sau per il ventiseiesimo centro del capocannoniere Quagliarella dal dischetto.
Quando Doveri emette il triplice fischio la festa in campo è dei giocatori in maglia azzurra e dei suoi tifosi, la Samp esce per l’ennesima volta sconfitta davanti al proprio pubblico (la settima in stagione al Ferrraris…), con il rebus Giampaolo, che probabilmente lascerà a fine campionato, come lasciano intendere le sue ultime dichiarazioni, con una situazione societaria ancora difficile da definire, con il dubbio se Ferrero cederà o meno la società e a chi….
Peccato davvero per aver sciupato in un mese quanto di buono fatto in precedenza da una squadra che aveva fatto sperare in una qualificazione europea e che ancora una volta, come avvenuto negli anni scorsi, ha tirato i remi in barca nel momento topico della stagione.

Marco Ferrera

SAMPDORIA-EMPOLI 1-2
Marcatori: s.t. 11’ Farias 30’ Di Lorenzo 46’ Quagliarella (rig.)
SAMPDORIA (4-3-1-2): Audero 6,5 – Sala 5,5 Tonelli 4,5 Ferrari 5 Murru 5,5 – Praet 5,5 Ekdal 5 (27’ s.t. Vieira 5,5) Jankto 6 – Caprari 5 (27’ s.t. Sau 6) – Gabbiadini 4 (35’ s.t. Ramirez n.c.) Quagliarella 6 All: Giampaolo
EMPOLI (3-5-2): Dragowski 7 – Veseli 5,5 Silvestre 6 Dell’Orco 5,5 – Di Lorenzo 7 Traoré 7 (42’ s.t. Capezzi n.c.) Bennacer 6,5 (47’ s.t. Brighi n.c.) Krunic 6 Pajac 6,5 – Farias 7,5 (33’ s.t. Acquah n.c.) Caputo 6 All: Andreazzoli
Arbitro: Doveri di Roma 7
Note: giornata nuvolosa con sole a tratti, terreno di gioco in buone condizioni.
Calci d’angolo 8 a 2 per la Sampdoria . Ammoniti Di Lorenzo, Ekdal e Tonelli.
Spettatori 19034 (17057 abbonati e 1977 paganti) per un incasso di Euro 193.048
MARCO FERRERA