Parma-Sampdoria: solo 4 vittorie blucerchiate al Tardini

0
260

La Samp è attesa al “Tardini” dove nei 19 precedenti ha vinto solo 4 volte , la prima il 30/9/1979 nel primo incrocio tra le due squadre , nel campionato cadetto, quando decise una rete di Sartori al novantesimo. Rimane questa l’ultima ed unica partita in serie B, nelle altre diciotto volte, tutte nella massima serie, i padroni di casa si sono imposti dieci volte, con cinque pareggi.

L’ultima partita è del gennaio 2005 , tra i padroni di casa giocava Cassano e le reti di Bergessio e Soriano decisero il confronto, dopo tre vittorie consecutive dei ducali tra il 2010 ed il 2012 , con la Samp di Del Neri sconfitta il 28/02/2010 da una rete di Zaccardo, nel giorno in cui erano assenti Cassano e Pazzini e giocarono i giovanissimi Testardi e Scepovic.

Il 9/3/2008 i gol di Maggio e Bonazzoli indirizzarono il match (di Budan la rete dei locali) mentre Fabio Quagliarella decise la sfida del 18/2/2007, due pareggi per 1-1 caratterizzarono le sfide del 20 Aprile e 11 Dicembre 2005, con gol di Gasbarroni e Bonazzoli per i ragazzi di Novellino.

Cesare Prandelli guidava il Parma quando Adriano siglò la sfida del 5/10/2003 , la Samp che a fine stagione retrocesse pareggiò 1-1 il 18/4/1999 con Montella che su rigore realizzò dopo il vantaggio firmato Sensini; anche l’anno prima finì pari, i blucerchiati di Boskov rimontarono due volte, con reti di Paco Soares e Boghossian, con gol locali del genovese ed ex Enrico Chiesa ed ancora Sensini.

Dopo il pari senza reti che il 7/10/1990 salutò l’arrivo in serie A del Parma di Nevio Scala, che negli anni novanta divenne grande protagonista in Italia e non solo, arrivarono ben sei vittorie consecutive dei padroni di casa tra il 1991 ed il 1997 , con grandi protagonisti tra i marcatori quali Tino Asprilla (decisivo nel novembre 92), Luca Vialli, il cui gol non bastò nel 2-1 dell’ottobre 1991 ( di Minotti e Grun le reti locali), Gianfranco Zola, decisivo al novantesimo nel febbraio 94 dopo il vantaggio doriano di Jugovic ed il pari ancora di Minotti, con il sardo ancora protagonista con una doppietta l’anno successivo, nel 3-2 finale, con terzo gol di Asprilla e reti ospiti di Lombardo e Gullit, mentre senza storia fu la partita del 6/4/1997, un 3-0 deciso da una doppietta di un altro grande bomber come Hernan Crespo e da Sensini, spesso a segno contro la Samp: quel giorno sulle due panchine sedevano Ancelotti ed Eriksson.

        MARCO FERRERA