I precedenti di Torino-Samp: quante battaglie tra granata e blucerchiati

0
139

Le partite tra Torino e Sampdoria sono spesso autentiche battaglie sportive, l’incrocio che i tifosi blucerchiati ricordano con grande gioia si riferisce al trionfo in Coppa Italia, era il maggio 1988, quando una magia di Fausto Salsano regalò il trofeo agli uomini di Boskov nei supplementari, nella serata in cui a fine partite Gianluca Vialli, pazzo di felicità, prima di correre sotto la curva a festeggiare con i tifosi, pronunciò la famosa frase alla domanda per chi avesse firmato la stagione successiva  “ Ho firmato per noi!”.

A livello di campionato la vittoria più importante è datata 20 Maggio 1973, ultima giornata di campionato: la squadra guidata da Heriberto Herrera si giocava la permanenza nella massima serie in un finale thrilling e raggiunse la salvezza grazie alla serpentina di Loris Boni, mediano di Remedello di Sotto, che a dodici minuti dal termine s’infilò tra i difensori avversari e superò Castellini, portiere granata, con l’Atalanta che retrocesse, sconfitta in casa dal Vicenza.

In 51 partite la Samp ha ottenuto solo 8 vittorie in un campo spesso ostico, con 15 pareggi e ben 28 sconfitte: l’ultima vittoria è del 2/2/2014 con un classico 2-0 firmato da Gabbiadini ed Okaka, nell’ultimo precedente, quello del 17/9/2017, finì 2-2 e si decise tutto nella prima frazione, con il gol lampo di Zapata, l’uno-due di Baselli e Belotti prima del quarto d’ora ed il definitivo pareggio di Quagliarella su cross al bacio di Strinic prima dell’intervallo, terminò pari anche l’aprile precedente con le reti di Schick ed Iturbe mentre è Fabio Quagliarella, con la maglia granata, il mattatore delle ultime vittorie interne: il 20/9/2015 realizzò una doppietta per il 2-0 finale, l’1/2/2015 segnò addirittura una tripletta nel 5-1 conclusivo ( di Amauri e Bruno Peres e del doriano Obiang le altre reti).

Un altro precedente storico è quello del 12/5/1991, la rete di Giovanni Invernizzi, pareggiata da Bresciani, cucì un pezzetto di tricolore sulle divise blucerchiate, con la Samp che trionfò la settimana successiva con il 3-0 contro il Lecce.

Pazzini, Sammarco ed uno scatenato Cassano furono i protagonisti del rotondo successo nella stagione 2008-2009, ricordiamo anche il 4-2 granata del 15/10/1967, ultima partita del povero Gigi Meroni, talento purissimo di quegli anni, autore della rete in avvio prima della tripletta di Combin. Il povero Gigi,“la farfalla granata”, la sera stessa uscendo da un bar nel centro città venne investito dall’auto guidata dal futuro presidente granata, Attilio Romero, mentre attraversava la strada in compagnia di Fabrizio Poletti e morì in circostanze tragiche ad appena ventiquattro anni.

MARCO FERRERA