Spal-Sampdoria: i precedenti

0
222

La Samp viaggia alla volta di Ferrara, dove lo scorso 30 Maggio perse 3-1 nell’ultimo turno della stagione, un successo che consentì agli estensi di salvarsi ai danni del Crotone: finì 3-1 con un rigore molto dubbio concesso in avvio ai padroni di casa e trasformato da Antenucci, con Samp che rimase in dieci dopo mezz’ora per il doppio giallo comminato a Caprari ed uno-due decisivo della Spal in avvio di ripresa grazie a Grassi ed Antenucci. La rete di Kownacki rese solo meno amara e pesante la sconfitta dei ragazzi di Giampaolo.
I precedenti tra serie A e serie B sono 20, con sole 4 vittorie doriane ed 8 tra pareggi e successi interni: prima del confronto dello scorso campionato l’ultimo incrocio nella massima serie fu il 3/12/1967 e vinsero gli emiliani per 1-0 con rete di Brenna, era la Spal di Cipollini, Bigon ed Edy Reja, il giorno di Santo Stefano del 1965 segnarono Muzzio e Gian Carlo Salvi, indimenticabile bandiera blucerchiata nato a Dego, nell’entroterra savonese, contro avversari quali Cantagallo, Bozzao, Bagnoli, Massei e Fabio Capello…

L’ultima vittoria in serie A della Samp è vecchia di oltre sessant’anni, il 2/11/1958 una doppietta del varazzino Recagno, classe 1937, sancì il 2-1 finale per la squadra guidata da Eraldo Monzeglio, con in campo autentiche “icone” della storia doriana come Vincenzi, Bergamaschi, Bernasconi, Vicini, Ocwirk e Cucchiaroni.

I ricordi di questo confronto ci riportano agli anni ottanta, alle sfide in cadetteria, come quella del 18/4/1982 quando la Samp di Renzo Ulivieri, promossa a fine stagione, vinse largamente per 3-0 grazie alle reti di Sella, Rosi e Scanziani, con William Vecchi, portiere di un Milan degli anni sessanta ed eroe di Salonicco, nella vittoria della Coppa delle Coppe ai danni del Leeds, che spendeva gli ultimi scampoli di carriera nella provincia ferrarese ; e come dimenticare la doppietta con cui “Gil” De Ponti diede il doppio vantaggio ai ragazzi di Riccomini nel gennaio 1981 prima della rimonta locale, a segno due volte con un vecchio bucaniere delle aree di rigore come Gibellini, che pareggiò al novantesimo in una freddissima giornata, con Gavioli, ex Samp, in porta tra i biancazzurri ed un terzino destro che si chiamava Alberto Cavasin…
Il pallone racconta che il 20/4/1980 la rete di “Picchia” Romei illuse la squadra di Toneatto di ottenere l’intera posta prima del pareggio quasi immediato di Grop.
Il 14/1/1979 la Spal dominò per larghi tratti, si giocò con tanta neve sugli spalti, i padroni di casa si portarono sul triplo vantaggio prima della rimonta parziale, firmata da Chiarugi e “Biscia” Bresciani, che addolcirono solo in parte il ritorno dei tanti tifosi blucerchiati al seguito.

MARCO FERRERA