I precedenti di Sampdoria-Cagliari

0
218

Quasi la metà dei confronti al “Ferraris” tra Sampdoria e Cagliari è finito in parità: nei 41 precedenti in ben 20 occasioni le due squadre si sono divise la posta, con 14 successi doriani e 7 sardi.
La prima volta fu il 7/2/1965, prima stagione nella massima serie degli isolani e decise una rete del brasiliano José Ricardo “China” Da Silva, che faceva parte quell’anno di una prima linea sudamericana, formata anche da Sormani e Lojacono oltre a Paolone Barison. La prima vittoria esterna arrivò il 19/1/1969 e segnò un grande bomber come Roberto Boninsegna, poi passato all’Inter, che formava insieme a Riva una coppia di attaccanti formidabili, che l’anno successivo resero grande l’Italia di Valcareggi ai mondiali messicani. Proprio il più forte attaccante italiano , Gigi Riva soprannominato “Rombo di tuono” da Gianni Brera, decise il match del 22/4/1973 , con Riki Albertosi che difese con grandi interventi la sua porta dagli attacchi infruttuosi di Salvi, Petrini e Badiani. Il 16/12/1973 ancora Riva a segno con pareggio di Marcello Lippi per l’1-1 finale, il 9/3/1975 il grande protagonista fu il portiere ospite William Vecchi, eroe della vittoria di Salonicco in Coppa delle Coppe con il Milan contro il Leeds due anni prima che mantenne inviolata la sua porta con straordinarie parate per lo 0-0 finale. Dopo nove partite senza vittorie arrivò il successo del 7/12/1975, con le reti di Pellegrino Valente e Nello Saltutti che resero ininfluente la solita segnatura di Riva, quel giorno Bersellini, tecnico blucerchiato, schierò davanti a Cacciatori una linea difensiva formata da Arnuzzo, Tuttino, Valente, Zecchini e Rossinelli ed un quintetto offensivo con Orlandi, Bedin, Magistrelli, Salvi e “Nello-gol” Saltutti.
Anche il 7/4/1991 la corsa della Samp verso il tricolore venne parzialmente fermata da un Cagliari guidato da Claudio Ranieri alla ricerca della salvezza: sembrava tutto facile dopo la prima frazione con gli acuti di Vialli e Mancini ma una doppietta di Fonseca, attaccante uruguaiano, negli ultimi venti minuti, rovinò quella domenica ai ragazzi di Boskov.
Nella stagione 1994-95 la formazione allenata da Eriksson calò la “manita” ai malcapitati ospiti, con doppietta di Gullit e singole di Lombardo, Mancini e Bellucci , il 12/1/1997 finì invece 4-1 con doppietta di Montella ed acuti di Karembeu e Carparelli con gol sardo di Tovalieri.
Il 26/4/2009 terminò con un pirotecnico 3-3, con doppietta di un giovane esordiente, Guido Marilungo, rimonta e sorpasso dell’undici guidato da Allegri grazie a Matri, Acquafresca e Conti e pareggio finale di Cassano, il 28/10/2012 registriamo l’ultima vittoria dei rossoblù grazie alla rete di un polemico ex, Daniele Dessena.
Due vittorie caratterizzano gli incontri del febbraio 2014 (rete di capitan Gastaldello) e quello del 7/3/2015, un 2-0 confezionato di testa da De Silvestri (gol n° 1500 della Samp in serie A) e Samuel Eto’o, il 19/2/2017 l’ultimo pareggio, con vantaggio ospite in avvio di Isla, pari di Quagliarella e palo colto nel finale da Torreira.
Lo scorso 29 Aprile finì invece con un rotondo 4-1 per la Samp, con Praet, Quagliarella, Kownacki e Ramirez nel tabellino e rete ospite di Pavoletti.

MARCO FERRERA