Sampdoria a caccia del dodicesimo successo nell’Olimpico giallorosso

0
78

Domenica pomeriggio la Sampdoria renderà visita alla Roma, dove nei 63 precedenti i padroni di casa si sono imposti 40 volte, con 12 pareggi ed 11 successi blucerchiati, l’ultimo lo scorso 28 Gennaio quando la zampata di Zapata a 10’ dalla fine, su cross di Murru, regalò i tre punti alla formazione di Giampaolo, al termine di un match vibrante, con Alisson e Viviano (che parò un rigore a Florenzi) grandi protagonisti della partita. 

Il 22/9/1946 fu il giorno della prima partita della neonata Sampdoria, allo stadio “Nazionale” finì 3-1 per i giallorossi con tripletta di Amadei e rete doriana di Bassetto, la prima vittoria esterna arrivò due stagioni dopo, 1948-49, fu un 4-2 con i gol di Rebuzzi, gei e la doppietta di “Nano” Bassetto con le reti romaniste di Tontodonati e Pesaola.

Altro successo da ricordare quello del 3/6/1956 quando la Samp vinse in rimonta: dopo il gol di da Costa, Ronzon e “Tacchino freddo” Firmani ribaltarono il punteggio.

Tante vittorie nel periodo d’oro, il 10/5/1987 il 3-0 fu firmato da una doppietta di Vialli e dal gol di Vierchowod, un ex molto rimpianto che si ripeté con la rete pesantissima nell’anno dello scudetto, il 14/4/1991. I ragazzi di Boskov s’imposero anche il 10/4/1988 con un classico 2-0 grazie a Vialli e ad un rigore di Bonomi, il 27/2/1994 uno strepitoso Pagliuca difese il vantaggio siglato da Mancini contro la Roma allenata da Carletto Mazzone in cui giocava un giovanissimo Totti oltre al genovese Marco Lanna.

Due anni dopo arrivò una scintillante vittoria per 4-1: era il 21/9/1996 e l’undici di Eriksson umiliò la Lupa di Carlos Bianchi, passata in vantaggio grazie a Balbo, con la doppietta di Montella ed il gol di uno scatenato Mancini, con un’autorete di “Pluto” Aldair.

Il 25 Aprile 2010 uno stadio Olimpico pavesato a festa era pronto a festeggiare una vittoria della Roma di Ranieri, imbattuta da 24 partite ed in lotta con l’Inter per la conquista del titolo, l’avvio della partita sembrò confermare i pronostici con la rete di Totti e Storari, portiere blucerchiato, miracoloso nel tenere a galla i suoi con tre interventi straordinari su Totti, Menez e Vucinic.

Nella ripresa la clamorosa rimonta della formazione di Del Neri, dopo pochi minuti Cassano a sinistra ubriacò la retroguardia di casa ed inventò un assist al bacio per l’incornata di Pazzini che si ripeté a cinque dalla fine su imbeccata di Mannini, infilando sottomisura Julio Sergio per il dramma sportivo dei padroni di casa.

Il 16/3/2015 dopo un primo tempo in cui Viviano fece gli straordinari, nella ripresa arivarono i gol di De Silvestri e Muriel a regalare i tre punti all’undici di Mihajlovic,

l’ultima vittoria dei padroni di casa è del 11/9/2016, un match pesantemente condizionato dal diluvio che si abbatté sulla Capitale, con sosta di ottanta minuti tra fine primo tempo ed inizio ripresa, quando la Samp era in vantaggio per 2-1, con Muriel e Quagliarella che replicarono al gol di Salah.

Nella ripresa entrò Totti a dispensare giocate di alta classe, Dzeko pareggiò i conti e solo a tempo scaduto Giacomelli punì un veniale contatto al vertice dell’area tra lo stesso Dzeko, che si lasciò cadere e Skriniar e decretò il penalty trasformato dal “Pupone” per il definitivo 3-2.

Marco Ferrera