Mercato Genoa: Centurion via, cessioni in vista per altri due

0
569

Il mercato del Genoa si concentra sulle cessioni. Centurion ha ufficializzato il trasferimento al Malaga, vicini altri due addii.

Sfoltire la rosa per rendere il gruppo di Ballardini più forte e coeso e parallelamente cercare due rinforzi, un difensore e un centrocampista, per migliorare il Genoa in vista del girone di ritorno del campionato. Questi i due obiettivi delle trattative rossoblù.

Mercato Genoa: si accelera sulle cessioni

Sul fronte cessioni il mercato del Genoa si è già mosso con una certa rapidità: Centurion è un giocatore del Malaga, la sua seconda avventura al Grifone è stata fallimentare esattamente come la prima, e sicuramente non mancherà né ai tifosi né allo staff. Addio vicinissimo anche per Palladino, lo Spezia è pronto ad accoglierlo a braccia aperte, l’Entella sta provando ad inserirsi ma sembra difficile che possa sorpassare all’ultima curva. Valigie in mano anche per Rossettini richiesto dal Sassuolo, stoppato per Izzo ma non per il centrale ex Torino. Nella lista dei partenti ci sono anche Ricci, tornato nel mirino del Crotone, Lazovic che ha molte richieste dall’estero ma ancora non sembra convinto di partire e poi Landre, mai utilizzato dal Genoa. Diverso il discorso Laxalt, il Torino e la Fiorentina si potrebbero fare avanti, tutto dipenderà dalle offerte che arriveranno a Villa Rostan.

Per quello che riguarda le entrate, sfumato Castan, sono sempre più alte le possibilità di vedere tornare in rossoblù De Maio che al Bologna non gioca. Le alternative sono Paz e Jach. Sul fronte centrocampista salgono le quotazioni di Locatelli, il giocatore avrebbe già detto sì al Genoa, ora l’ostacolo è il Milan che non vorrebbe cederlo, possibile che qualcosa si muova verso fine mercato. Difficile arrivare a Sturaro ed Acquah bloccati da Juve e Torino. Continua l’interessamento per l’ala sinistra Medeiros, attaccante fantasioso e con buona gamba che allo Sporting Lisbona trova poco spazio. Si tratta per il prestito di 18 messi con diritto di riscatto, il nodo è proprio la cifra da mettere sul piatto, in Portogallo parlano di una decina di milioni.