Mercato Sampdoria: il punto su quattro cessioni, qualcosa si muove

0
519

La Sampdoria per il mercato di gennaio ha l’obiettivo di sfoltire, quattro le cessioni in programma e qualcosa si sta muovendo per Dodò e compagnia.

I big restano e la rosa va sfoltita da chi non trova spazio con continuità. Sul fronte cessioni la Sampdoria ha idee molto chiare per il mercato di gennaio 2018. Quattro sono le pedine che la società vorrebbe piazzare: Dodò, Djuricic, Alvarez e Sala e qualcosa si sta muovendo.

Mercato Sampdoria: quattro cessioni più vicini

Il primo capitolo è quello dei terzini. Dodò deve partire e dopo aver rifiutato la Spal ora è il Cagliari a cercarlo. Le società hanno già trovato l’accordo, il giocatore è in vacanza e deve ancora dare una risposta sulla destinazione. Discorso diverso per Sala, Pioli lo vuole alla Fiorentina ma in questo caso non c’è accordo con la Sampdoria che vorrebbe cederlo a titolo definitivo e non in prestito, opzione quest’ultima gradita ai viola. Il futuro di Sala è legato anche a quello di Bereszynski, il polacco sta facendo molto bene e su di lui sembrano esserci gli interessamenti di Napoli e Inter, la Samp non lo vuole cedere a meno che non arrivi un’offerta da oltre 10 milioni di euro.

Nei tagli previsti da Corte Lambruschini c’è anche quella di due fantasisti che mai hanno espresso tutto il loro valore con la maglia blucerchiata. Il primo è Alvarez: ha un ingaggio molto elevato, è a tutti gli effetti una riserva ed è spesso criticato dai tifosi. Un mix che ha convinto le parti a lasciarsi e a correre incontro all’argentino è l’antico nemico Milito che lo vorrebbe al Racing, destinazione gradita al “Nino Maravilla”.
Addio molto vicino anche per Filip Djuricic, utilizzato pochissimo sia l’anno scorso che in questa stagione. Su di lui c’è il Benevento ma il giocatore non si è ancora esposto sulla possibilità di approdare alle streghe avendo anche qualche corteggiatore dall’estero.

Quattro cessioni per il mercato della Sampdoria, ma i tifosi stiano tranquilli i big rimarranno tutti. Torreira, inseguito sempre dall’Inter, Quagliarella, Zapata e Praet, i pezzi pregiati della gioielleria di Giampaolo fino a giugno non si muoveranno.