Sampdoria: Giampaolo pensa al futuro, ecco confermati e rimandati

0
775
Derby Genoa-Samp: le parole di Giampaolo
Derby Genoa-Samp: le parole di Giampaolo

La Sampdoria perde contro il Sassuolo e Giampaolo inizia già a pensare alla prossima stagione. Il punto di Pierluigi Gambino.

Ci sta di perdere in casa di un Sassuolo che meriterebbe ben altra classifica. Guai a fare drammi e a inondare di critiche questa Samp, che poteva anche permettersi una mezza gara più molle, pagata inesorabilmente col pareggio e il sorpasso da parte dei neroverdi. D’altronde, mantenere una ferrea concentrazione è disumano quando si avvicina la resa dei conti e al campionato non si deve chiedere più nulla di sostanzioso. Probabilmente, se la posta in palio fosse stata più alta, non si sarebbero incassate una rete in contropiede (sul risultato di 1 a 0!) ed una di testa su calcio d’angolo. Certo, non mancano i mai contenti che pretendevano il successo sui viola e sugli emiliani per corroborare le speranze di ottavo posto ed ora temono di finire nuovamente alle spalle del Toro, ma certi rallentamenti appartengono alla fisiologia e non meritano di essere sottolineati con la matita rossa.

Sampdoria: Giampaolo pensa al futuro

Giampaolo, intanto, sta giù pensando al futuro e dividendo l’organico tra promossi, rimandati e bocciati. I recenti rilanci di Dodò e Silvestre servivano proprio a togliersi gli ultimi dubbi riguardo alla loro compatibilità col progetto e, ovviamente a metterli in vetrina per eventuali estimatori.

Sotto esame era ed è pure Bereszynsky, il quale al Mapei Stadium è incappato in un pomeriggio da incubi specialmente a livello difensivo. Il polacco sarà confermato nelle prossime gare in virtù dell’infortunio a Sala: toccherà a lui sfruttare le opportunità concesse e fugare i legittimi dubbi di trainer e dirigenza sulle reali capacità di adeguarsi ad un campionato come quello italiano, tatticamente il più impegnativo.

Il resto del gruppo di titolari più o meno fissi ha già in tasca una strameritata riconferma, figlia di recite eccellenti e anche delle condizioni ben precise poste da Giampaolo im sede di rinnovo di contratto. Il mister abruzzese non ha ottenuto solo un ritocco da record nell’ingaggio e nella durata dell’impegno ma anche la garanzia che le cessioni pesanti saranno ridotte al minimo. A questo punto è alta la probabilità che, se ovviamente giungerà un’offerta accettabile, il solo Muriel sia sacrificato sugli altari del bilancio. Torreira, altro punto fisso, un mese fa pareva ormai perso alla causa, ma la dirigenza ha saputo toccare le corde adatte con giocatore e procuratore per procedere ad un’importantissima conferma.

Continua il periodo d’oro di Schick

Schick è uno dei confermati della prossima Sampdoria di Giampaolo
Schick è uno dei confermati della prossima Sampdoria di Giampaolo

Dovrebbe rimanere pure l’altro pezzo da novanta, Schick, che piace a mezza Europa ed è giustamente all’asta. Se la cifra proposta sarà irrinunciabile, il trasferimento diventerà conveniente, ma Pradé e Osti stanno privilegiando la strada ben più dolce di una cessione traslata, vale a dire con la permanenza a Genova del giocatore in prestito per una seconda stagione. Riguardo al ceko, senz’altro tra gli attaccanti emergenti più dotati in Europa, si dovranno scrivere chissà quante pagine da qui a giugno, ma nel frattempo il ragazzo offre settimanale conferma delle sue rare doti. Il gol di Reggio Emilia è stato un gran colpo di fortuna, ma per gli statistici costituisce il nono sigillo nella prima stagione italiana, contraddistinta da lunghe razioni di “panchina”: ottimo biglietto da visita.

Se il prode Patrik fosse stato impiegato con regolarità, il suo nome potrebbe trovarsi nelle primissime posizioni della classifica cannonieri, ma benissimo ha fatto Giampaolo a farlo maturare lontano dai riflettori centellinandone l’utilizzo ed evitando così di bruciarlo per troppa fretta. Avrà tempo questo spilungone così somigliante a Van Basten di regalarci altre gioie.