Genoa: i giorni del centrocampo, assalto a Bertolacci e non solo

0
386
Bertolacci
Bertolacci

La cessione di Perin ha portato soldi freschi in casa Genoa che ora verranno reinvestiti sul mercato per rinforzare il centrocampo, tre nomi sulla lista.

Mattia Perin lascia il Genoa e va alla Juventus per 12 milioni più bonus, Laxalt è pronto a partire per una cifra vicina a 10 milioni, il Benfica si è fatto avanti ma attenzione a Roma e Lazio, e anche Izzo lascerà i rossoblù, su di lui c’è la fila in Italia e all’estero e potrebbe portare un’altra decina di milioni.

Genoa: ora l’assalto a Bertolacci

Insomma il tesoretto tanto atteso sta arrivando e dovrà essere ripartito tra un bilancio in miglioramento ma non ancora del tutto sano e il mercato estivo. Il nuovo Genoa dovrà avere un centrocampo migliore rispetto al passato, Ballardini vuole qualità e quantità ma soprattutto giocatori che abbiano il rossoblù nel cuore. Il primo della lista è Andrea Bertolacci che al Milan non ha spazio, mentre per il tecnico romagnolo è la colonna da cui ripartire. Nei prossimi giorni si intensificheranno i colloqui tra Genoa e Milan, lo scoglio è l’ingaggio molto alto, da spalmare in più anni se i rossoneri non decidessero di aiutare Preziosi in una parte del pagamento dello stipendio.

Torna l’asse Genoa-Juventus

Nella lista dei prescelti del Genoa per il suo nuovo centrocampo ci sono anche Sturaro e Mandragora. Il primo ha caratteristiche da mezzala che piacciono sia in fase difensiva che in quella di impostazione. Mandragora è invece il regista puro che servirebbe per organizzare la manovra, insomma quello che doveva fare ma non ha fatto Veloso l’anno scorso. Sicuramente nell’operazione Perin si è parlato dei due profili ma il Preziosi ha voluto slegare le trattative. Il più abbordabile sembra essere Mandragora, difficile che Allegri punti su un profilo così giovane che rischierebbe di fare molta panchina con l’arrivo di Emre Can oltre che i già collaudati Pjanic, Matuidi e Khedira. Per Sturaro invece potrebbe essere proprio il tecnico livornese a mettere un veto per il ritorno al Genoa.